Farmaci anticovid e rischi per la vita marina

Vuoi inserite gratuitamente i tuoi contributi? Scopri di più.

Alcuni farmaci utilizzati per trattare la covid sono stati rilevati nelle acque reflue in entrata e in uscita da alcuni impianti di scarico in Pennsylvania: secondo i ricercatori che hanno effettuato lo studio, pubblicato sul Journal of Environmental Quality, i livelli di alcuni medicinali sarebbero sufficientemente alti da avere un potenziale dannoso per gli organismi acquatici. «L'aumento delle concentrazioni dei farmaci potrebbe essere connesso a un uso maggiore che ne è stato fatto durante la pandemia», spiega Heather Preisendanz, una degli autori. . Da maggio 2020 a maggio 2021, gli studiosi hanno raccolto settimanalmente dei campioni delle acque reflue affluenti (in entrata) ed effluenti (in uscita) di due impianti di scarico in Pennsylvania. Le hanno poi analizzate per rilevare l'eventuale presenza del coronavirus SARS-CoV-2 e di diversi farmaci, tra cui antidolorifici, antibiotici e farmaci specifici per il trattamento della covid. In piena pandemia, spiega Preisendanz, ...

L'articolo completo è su: Focus.it ...

Vuoi farti conoscere nella tua zona e in tutta Italia? Entra a far parte del progetto Tieniti Informato. Inviaci una email a [email protected] con i dati del tuo sito, blog o altro e ti faremo sapere presto.

Continua a leggere su: Focus.it

Tags: scienza